Cosa sono i LED e perché stanno diventando così popolari?


Panoramica

Negli ultimi anni, i diodi a emissione luminosa o LED sono diventati di uso comune: sono infatti impiegati per le luci decorative, le torce manuali, la retroilluminazione di display con pannello piatto, per gli indicatori luminosi di una vasta gamma di prodotti elettronici e perfino per le spie e gli indicatori dei freni delle auto. Tuttavia, è solo di recente che si è iniziato a utilizzare le lampade LED come sorgenti luminose per uso domestico e commerciale. I possibili campi di applicazione sono tuttavia destinati ad ampliarsi, anche in considerazione del fatto che la Direttiva europea 244 e altre leggi hanno messo al bando le lampadine tradizionali a causa del loro alto consumo energetico. Tra non molto queste lampadine diventeranno un ricordo del passato.


Struttura

Il diodo a emissione luminosa o LED è un semi-conduttore elettronico costituito da una combinazione particolare di materiali, che emettono luce al passaggio della corrente. Il primo LED in grado di produrre luce entro lo spettro visibile all'occhio umano, un LED rosso, fu scoperto nel 1962. Successivamente sono stati creati anche chip con LED arancioni, gialli, verdi, blu e violetti. Da un punto di vista tecnologico, la sfida maggiore è stata riuscire a massimizzare la luce prodotta rispetto all'energia alimentata al LED.


Prospettive future

La gamma di lampade LED è sicuramente destinata ad ampliarsi negli anni a venire, perché la maggior parte di produttori ha già iniziato a sviluppare prodotti per il mercato del retrofit e a commercializzare prodotti con basi standard. L'efficienza luminosa dei LED è tale che possono essere tranquillamente utilizzati in sostituzione alle lampadine tradizionali da 40 W e delle lampadine a incandescenza con wattaggio fino a 100 W, che non potranno più essere commercializzate in Europa a partire dal primo settembre 2012.

È probabile che nei prossimi anni le lampade LED vengano sempre più ampiamente utilizzate per i sistemi di illuminazione domestici e commerciali, non solo perché consumano meno, ma anche perché richiedono una minore manutenzione e offrono la possibilità di creare installazioni più creative.


Componenti di un LED

  • Lente: elemento ottico che trasforma la luce emessa dal chip in un fascio luminoso con una forma e una direzione specifiche.
  • Chip LED: semi-conduttore che produce la luce.
  • Filo: uno o due collegamenti elettrici a cui viene applicata la corrente.
  • Filo di collegamento: elemento utilizzato per fissare il filo al chip.  
  • Incapsulante: elemento del LED che collega il chip alla lente.
  • Custodia: elemento che protegge il LED.