Laser blu

Il nome dei dischi Blu-ray (BD) deriva dalla combinazione del colore blu e del raggio ottico. Questo formato è stato sviluppato dalla BDA (Blu-ray Discs Association), composta dai principali produttori di dispositivi elettronici di consumo e da aziende informatiche, tra cui la società controllante Mitsubishi Kaguku Media. Per tale ragione Verbatim ha accesso a tutte le ultime novità sulla tecnologia Blu-ray in anteprima.

 

Il disco Blu-ray, è dotato di una capacità di archiviazione superiore grazie a un laser blu con una lunghezza d'onda inferiore rispetto al laser rosso standard utilizzato nella tecnologia dei CD e DVD. Per questi supporti viene impiegato un laser infrarosso con lunghezze d'onda di 780 nm (CD) e di 650 nm (DVD), mentre nel disco blu-ray viene utilizzato un laser blu con una lunghezza d'onda di soli 405 nm. Il vantaggio dell'utilizzo del laser blu con una lunghezza d'onda ridotta consiste nella possibilità di scrivere settori di dati di dimensioni inferiori, aumentando di gran lunga la quantità di dati sul disco.